La sentenza sulle pensioni è una chiamata alla coscienza generazionale

martedì 19 maggio 2015 10:25 / Politica ed economia
Il 96% delle pensioni dei ferrovieri se fosse ricalcolato con il metodo contributivo avrebbero una riduzione di oltre il 30% . Il fondo Fs l'anno scorso ha avuto una perdita di 4,2 miliardi. I tagli fatti dal governo nell'ultima legge di stabilità agli enti locali si aggiravano attorno ai 3 mld.

 

Ieri leggevo sul corriere il seguente dato

" Dalla scheda Inps emerge come, a causa delle regole sul pensionamento in passato più generose di quelle attuali, la maggioranza dei ferrovieri con pensioni liquidate tra il 2000 e il 2014 abbia importi di pensione superiori di almeno il 20% a quello che avrebbero avuto con il calcolo contributivo. 

In particolare il 36% gode di un importo tra il 20% e il 30% superiore, il 19% di un importo superiore tra il 30% e il 40% mentre l’8% ha importi superiori a quelli del contributivo del 40%. "

Già solo da questo bisognerebbe calmare la giugulare.

Poi però ho acceso la televisione e ho sentito Salvini, Grillo, i sindacati, con Cantone  e Furlan, attaccare pesantemente un governo che ha deciso di rimborsare parzialmente l'adeguamento all'inflazione per le pensioni minori di 3200 euro lordi.

Facciamo un piccolo reipilogo. Monti nel 2011 ha fatto una serie di manovre che hanno colpito indistintamente ogni fascia della società italiana ma sicuramente, tra riforma Fornero e altre, la fascia dei più giovani che si trovano con praticamente reddito e diritti dimezzati rispetto ai coetanei di 30-40 anni fa. Ora si sta parlando dell'unica manovra che ha colpito direttamente anche i pensionati, ovvero il blocco all'adeguamento dell'inflazione delle pensioni 3 VOLTE SUPERIORI ALLA MINIMA.

Di recente la corte costituzionale con un voto tutt'altro che unanime (6 a favore, 6 contrari, il presidente ha fatto pendere la decisione verso l'incostituzionalità) ha deciso che il criterio di congelare le pensioni 3 VOLTE SUPERIORI LA MINIMA incideva troppo su una fascia di reddito bassa e quindi, in buona sostanza,si doveva optare per un criterio più alto. Renzi e il governo hanno deciso di evitare ulteriori manovre e hanno deciso di rimborsare parzialmente l'adeguamento ISTAT per pensioni di 3200 LORDE! 3 2 0 0 LORDE!!!! Un limite che vorrei dire di tutto rispetto visto che ad esempio il mio stipendio è di 1790 lordo.Da qui si è scatenato il putiferio politico e sindacale. 

In queste posizioni ravvedo solamente una difesa di una generazione che ha avuto molto dallo stato, generando debito tramite baby pensioni ad esempio o tramite un calcolo della propria pensione con un metodo contributivo di cui abbiamo visto le storture. E ora, nel momento in cui i nodi vengono al pettine, si pensa di far pagare sempre i soliti (noi, i nuovi, quelli nati dopo un certo anno) e non chi invece ha causato il debito pubblico, detiene la maggior parte della rendita e oggi pensa di fare spallucce.

Se ci fosse una coscienza generazionale, si sarebbe dovuti scendere in piazza contro la sentenza della corte costituzionale. Corte che è andata a colpire solamente, ancora una volta, l'unica azione che ha coinvolto una generazione già privilegiata e che ha causato molti danni a quelle venute dopo. 

Invece siamo noi, quelli nati dopo gli anni 70, ad avere redditi congelati a quasi 2000 euro lordi, età pensionabili più elevate e soprattutto pensioni calcolate con il retributivo perché lo stato (giustamente) non ce la faceva più a moltiplicare quasi per tre i contributi dei singoli. Ma con questo metodo, avete idea di che pensione avremo? 

Altri dati dimostrano una situazione tutt'altro che rosea. Dal 1991 la ricchezza degli under 35 è diminuita del 76%, quella degli over 65 è aumentata del 50%. (fonte Wired).

L'Italia spende il 17,4% del proprio Pil, circa 260 miliardi, in pensioni, per la sanità spendiamo LA META', in istruzione 65 miliardi. E per quelli che dicono "colpiamo la politica", sappiate che l'Istituo Bruno Leoni ha calcolato la spesa complessiva della politica intera in 15 miliardi. Tanti, ma 15 miliardi contro 260.

Cari coetanei, non inneggio alla guerra generazionale, ma un briciolo di consapevolezza delle politiche sociali dello stato italiano lo vogliamo avere?

E per chi volesse rodersi proprio il fegato, la chicca finale, ovvero come l'avvocatura dello stato avesse previsto in caso di dichiarazione di incostituzionalità della legge solamente 5 mld di buco. Sono circa 10 quest'anno e 3 mld all'anno dall'anno prossimo. Ma il premio per la supercazzola, la merita l'avvocato dello stato che ha difeso la presidenza del consiglio presso la corte costituzionale

http://www.linkiesta.it/caso-giustina-noviello-riccardo-puglisi-sentenza-consulta-pensioni


COMMENTI

Nessun commento presente.
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail.
Cognome e nome  
E-mail
Messaggio (solo testo)

Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali forniti saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per finalità legate alla pubblicazione della sua segnalazione nel presente articolo. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.
TOP