Bonus bebé e propaganda a Serina

domenica 08 settembre 2013 12:08 / Serina e dintorni
Dedicato al sindaco Giovanni Fattori di Serina. No perché bisogna mettere qualche punto fermo ogni tanto e oggi mi sono girate le balle a mille con l''articolo che trovate sull''Eco di Bergamo e la dichiarazione[...]

Dedicato al sindaco Giovanni Fattori di Serina. No perché bisogna mettere qualche punto fermo ogni tanto e oggi mi sono girate le balle a mille con l'articolo che trovate sull'Eco di Bergamo e la dichiarazione di Fattori.. dopo mezz'ora di discussione sul bonus bebé nell'ultimo consiglio comunale, il sindaco Fattori garantisce che a verbale sia riportata la nostra posizione sul REGOLAMENTO del bonus bebé, ovvero a favore della modifica sulla cittadinanza, per evitare il processo a causa della denuncia di alcune associazioni di Bergamo, e contro la modifica della residenza fino a 5 anni. Poi il segretario ha fatto votare tutto insieme e quindi noi ci siamo espressi contro, pensando che 5 anni per coppie che si trasferiscono a Serina sia un tempo enorme per ottenere il bonus. Siccome evidentemente il sindaco non ha ancora capito una cippa di quello che abbiamo detto in consiglio comunale, oggi la butta sulla propaganda : siete contro il bonus bebé. Ma quando mai???? Uno si chiede se si parla con la stessa persona quando si parla dal vivo e poi la si legge sul giornale. E via così..., siete contro i serinesi, siete contro l'acqua di Serina, siete contro il bonus bebé, siete contro le vecchiette che attraversano la strada... a quando mangiate i bambini? Il prossimo consigliere della maggioranza che mi viene a parlare di collaborazione in PRIVATO e non IN PUBBLICO, lo mangio vivo!

La nostra posizione era la seguente:

Il comune di Serina era stato invitato a modificare, dal ministero e da alcune associazioni, il regolamento che prevedeva ai soli cittadini italiani il bonus bebé, escludendo i residenti di altre cittadinanze. L'amministrazione giustamente ha modificato il tema della cittadinanza, altrimenti si sarebbe dovuto andare a processo, ma ha voluto alzare il criterio della residenza fino a 5 anni perché a dire del sindaco, così si svantaggerebbero i furboni. A noi pare che così si svantaggiano le giovani coppie che, qualora si volessero trasferire a Serina, dovrebbero aspettare 5 anni per prolificare e per ottenere il bonus bebé. Se prima c'era un incentivo ad attrarre nuove coppie, ad oggi è praticamente scomparso. Per noi bastava il criterio dei due anni di residenza, nessuno si trasferisce per due anni in un paese per ottenere 520 euro qualora nascesse un bambino. Tra l'altro, in modo paradossale, potrebbero prendere il contributo chi ha la residenza a Serina pur non vivendoci da tempo oppure chi trasferisce la residenza senza aver volontà di venire a viverci, intestandola magari su una seconda casa. Comprensibile che l'amministrazione voglia che i contributi finiscano a chi veramente vuole vivere a Serina, ma per questo motivo c'erano altre modalità e possibilità per regolamentare il bonus. Purtroppo il sindaco è andato avanti per la propria strada, stabilendo i 5 anni come criterio, riducendo di fatto la portata innovativa del bonus bebè.




COMMENTI

Nessun commento presente.
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail.
Cognome e nome  
E-mail
Messaggio (solo testo)

Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali forniti saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per finalità legate alla pubblicazione della sua segnalazione nel presente articolo. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.
TOP